zenzero

Lo zenzero appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae, la stessa famiglia della curcuma e del cardamomo, l’Asia è il suo paese di origine ma viene anche coltivata nei paesi tropicali.

Lo zenzero chiamato anche Ginger viene utilizzato da millenni sia per le sue qualità benefiche che aromatizzanti infatti spesso lo consumiamo sotto forma di tisane, centrifughe e come condimento nei nostri piatti per ottenere delle ricette più speziate e saporite.

Dove e come coltivarlo

Visto le sue origini tropicali dobbiamo cercare di ricreare un ambiente caldo ed allo stesso tempo umido quindi deve vivere ad una temperatura di 15°C.

In Italia solo di recente si è iniziata la coltivazione ma per lo più questa avviene in serra, in piccoli orti o in vaso.

Il terreno deve essere lavorato, concimato e umido a patto che non si creino ristagni di acqua.

La semina avviene tra la fine dell’inverno e l’inizio dell’estate quando le temperature non superano i 15°C. Si procede interrando i rizomi ossia le radici a circa 5 cm di profondità con i germogli di crescita verso l’alto e distanti 15-20 cm l’una dall’altra.

Lo sviluppo della pianta avviene lentamente, prima emette delle lunghe foglie verdi poi dei fiorellini e infine dei piccoli frutti a forma di capsula. zenzero in fioritura

E’ possibile coltivarlo anche in vaso in quanto non ha bisogno di molte cure.

Occorre un vaso capiente e profondo almeno 30/40 cm, per evitare ristagni si consiglia di mettere sul fondo dei ciottoli o delle piccole pietre.

Coprire con uno strato di terriccio e posizionare i rizoni distanti circa 15 cm l’uno dall’altro, infine coprire con dell’altro terriccio. Il terreno deve essere sempre umido quindi annaffiate almeno una volta al giorno.

Quando raccogliere lo zenzero? 

Quando la pianta comincia a perdere le foglie e il fusto inizia a seccarsi vuol dire che il rizoma sotto terra è pronto per essere raccolto e ciò avviene in autunno.

Con raccolte precoci si ottengono radici dal gusto più delicato mentre con le raccolte successive si avrà un sapore più pungente.

Come conservarlo

La radice fresca va conservata in frigorifero per non perdere le proprietà nutritive e il sapore. Se già tagliato basta avvolgerlo con della carta da cucina o in un sacchetto di carta così non si seccherà e potrete riutilizzarlo anche dopo giorni.

In alternativa è possibile conservarlo nel freezer, bisognerà prima sbucciarlo poi grattugiarlo e la polpa dovrà essere inserita in un sacchetto trasparente per la conservazione dei cibi. Si consiglia di utilizzarlo entro un anno.

Proprietà e benefici

Zenzero1

Spezia dalle proprietà uniche:

  • antinfiammatorio
  • antidolorifico
  • antiossidante
  • digestivo
  • antibatterico

basta assumerlo in quantitativo sufficiente per farci sentire meglio.

E’ un ottimo rimedio per chi vuole dimagrire in quanto agisce come alimento brucia grassi e contiene solo 80kcal per 100 gr di radice.

Come utilizzare lo zenzero?

Consigliamo di utilizzarlo fresco per apprezzarne meglio il sapore. Ecco alcune ricette:

Polpettine allo zenzero

Polpette di zenzero

  • 500 gr di carne macinata di vitella
  • 1 uovo
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 patata media
  • un pezzo di radice di zenzero
  • la buccia di ½ limone non trattato
  • un mazzetto di prezzemolo
  • 5 cucchiai di pangrattato
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe

Mettete la carne in una terrina, unite l’uovo e mescolate bene con una forchetta aggiungendo del prezzemolo e dell’aglio tritato. Sbucciate, lavate e tritate lo zenzero con la buccia di limone, amalgamate con la carne. Unite al composto la patata lessata e schiacciata, salate, pepate e mescolate.

Foderate una teglia con della carta forno, formate delle polpette, passatele nel pangrattato e appoggiatele sulla teglia. Irrorate le polpette con un filo di olio extravergine e infornate 200°C per 15-20 minuti e servite calde!

Zuppa di ceci e zenzero

Zuppa di ceci e zenzero

  • 120 gr pasta
  • 300 gr di ceci
  • cipolla, sedano e carota
  • brodo vegetale
  • zenzero fresco
  • prezzemolo
  • olio extravergine di oliva
  • sale

Fate appassire il soffritto in due cucchiai di olio extravergine di oliva aggiungete 4 fettine di zenzero e i ceci (se freschi vanno tenuti una notte ammollo altrimenti potete utilizzare quelli in barattolo) irrorate con 750 gr di brodo vegetale.

A cottura quasi ultimata frullate metà dei ceci con un frullatore ad immersione, successivamente cuocete la pasta all’interno del composto e se occorre aggiungete altro brodo. Servite a tavola con una spolverata di prezzemolo.

Biscotti allo zenzero

Biscotti allo zenzero

  • 300 gr di farina
  • 150 gr di burro
  • 1 uovo
  • 120 gr di zucchero
  • 2 cucchiai di zenzero in polvere o grattugiato

Unite in una ciotola lo zucchero e lo zenzero in polvere o finemente grattugiato creando un buco dove all’interno aggiungere burro a piccoli pezzi e l’uovo. Lavorate il tutto con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo creando una palla che andrà avvolta nella pellicola e fatta riposare in frigorifero per 30 minuti.

Dall’impasto dei biscotti allo zenzero ricavate una sfoglia alta circa 5 mm e con coppapasta o formine ritagliate i vostri biscotti poi passateli nello zucchero e sistemateli in una teglia foderata. Fate cuocere in forno a 180° C per 20 minuti.

Tisana allo zenzero

Tisana allo zenzero

  • 2 o 3 fette di zenzero fresco
  • 250 ml di acqua
  • 1 spicchio di limone o scorza di limone non trattato

In un pentolino versate l’acqua e aggiungete le fette di zenzero e uno spicchio di limone portando ad ebollizione per 10 minuti.

Togliere dal fuoco, filtrare il decotto, versatelo in una tazza e aggiungete miele o zucchero.

 

Come siete soliti consumare lo zenzero? Grazie per aver letto questo post, lasciaci un commento qui sotto, è sempre ben accetto.

Vieni a trovarci, oltre al zenzero, troverai tantissimi prodotti, sempre freschi. Ci troviamo al centro di Roma, a poca distanza dalla splendida Fontana di Trevi. Se hai domande, contattaci pure, saremo lieti di risponderti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *